Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Download flash player

    PianetaGiovani.TV - Web TV - Ciclismo Giovanile
     
    2014-08-16 - MARCHE - CAPODARCO DI FERMO (AP)
    43 GRAN PREMIO CAPODARCO di Km. 180 alla media di 41,284 Km/h



ELITE_UNDER23

Visualizzazioni: 3153
    2014-08-16 - MARCHE - CAPODARCO DI FERMO (AP)
    43 GRAN PREMIO CAPODARCO di Km. 180 alla media di 41,284 Km/h

    Fenomeno Robert Power vince anche il Gp Capodarco

    Capodarco di Fermo - Con una grande azione nel finale Robert Power si impone per distacco nel 43 Gran Premio Capodarco, corsa internazionale per elite e under 23 di 180 chilometri, alla quale hanno preso parte 200 ciclisti. Il corridore della nazionale australiana, under di primo anno, confeziona questa perla scattando durante l'ultima ripetizione del mitico muro di Capodarco, tagliando il traguardo con 8" di vantaggio su Gianni Moscon della Zalf Euromobil Desiree Fior e 13" su Moreno Giampaolo della Vega-Hotsand. Power rientra insieme ad altri corridori sui fuggitivi lungo il primo passaggio sul muro e poco dopo resta al comando con altri atleti. I battistrada affrontano l'ultima tornata e poi nel finale il nazionale australiano Haig lavora per propiziare l'affondo di Power, che puntuale arriva sull'ultima ripetizione del muro. Questo il commento di Power: "Ringrazio il mio compagno di team Haig e tutta la squadra per il duro lavoro svolto in corsa. Io ho solo dovuto finalizzare".











    ORDINE DI ARRIVO:
    1° POWER ROBERT  (NAZIONALE AUSTRALIANA)
    2° MOSCON GIANNI  (A.S.D.ZALF EUROMOBIL DESIREE FIOR) a 8"
    3° GIAMPAOLO MORENO  (VEGA - HOTSAND ) a 13"
    4° HAIG JACK  (NAZIONALE AUSTRALIANA)
    5° CICCONE GIULIO  (TEAM COLPACK)
    6° GIUSTINO GENNARO  (GALLINA COLOSIO EUROFEED ASD)
    7° BUCHMANN EMANUEL  (GERMANIA) a 28"
    8° TONELLI ALESSANDRO  (A.S.D.ZALF EUROMOBIL DESIREE FIOR) a 32"
    9° VACCHER ANDREA  (MARCHIOL EMISFERO)
    10° BERNARDINETTI MARCO  (A.S.D.CICLISTICA MALMANTILE)

    - DIRETTA WEB - a partire dalle ore 13:30


    Km 0:
    Saranno 200 i partecipanti al 43esimo Gran Premio Capodarco, classica internazionale riservata alla categoria elite'-under23. Conclusa la cerimonia di presentazione delle squadre e delle autorita' presenti. Gli atleti si stanno portando verso il km 0 presso lo stabilimento dei Vini Santa Liberata

    Km 1:
    In questo istante e' stato dato il via ufficiale alla gara con il lungo serpentone dei 200 partecipanti che accendono la sfida.

    Km 3:
    Primo allungo di giornata, operato da Alessandro Riccardi (Vega)

    Km 5:
    Il gruppo e' tornato compatto!

    Km 10:
    Il gruppo compatto sta attraversando Porto S. Giorgio.

    Km 17:
    Al 1o Traguardo Volante transitano nell'ordine: 1o Gaviria (Colombia), 2o Perego (Viris) e 3o Galayer (Kazakistan)

    Km 27:
    2o Traguardo volante: 1o Bertazzo (MG Kvis Trevigiani), 2o Stash (Russia), 3o Galeyer (Kazakistan).

    Km 35:
    Sempre gruppo compatto

    Km 38:
    3o Traguardo volante: 1o Gaviria (Colombia), 2o Stash (Russia), 3o Perego (Viris)

    Km 41:
    Allungano 5 corridori: Bagioli (Delio Gallina), Gozio (Gavardo), Tivani (Argentina), Bassi (Mendrisio) e Menchetti (Acqua & Sapone).

    Km 43:
    Il vantaggio dei 5 battistrada e' di 42 secondi.

    Km 48:
    4o Traguardo volante: 1o Bagioli (Delio Gallina), 2o Gozio (Gavardi) e 3o Tivani (Argentina)

    Km 49:
    Il ritardo del gruppo sui 5 battistrada e' di 57 secondi.

    Km 50:
    Il colombiano Fernando Gaviria (Colombia) vince la classifica finale dei traguardi volanti.

    Km 55:
    Sta per iniziare la prima delle otto ascese a Capodarco

    Km 56:
    Dai cinque uomini al comando perde contatto Tivani (Argentina), rimangono in testa Bagioli (Delio Gallina), Gozio (Gavardo), Bassi (Mendrisio) e Menchetti (Acqua & Sapone)

    Km 57:
    Al passaggio dal monumento a Casartelli rientrano sulla testa Di Remigio (MGKVis), Tonelli (Zalf) e Gaviria (Colombia)

    Km 63:
    Adesso il vantaggio dei sette uomini al comando e' di 48" sul gruppo

    Km 68:
    Scende a 25" il vantaggio dei sette uomini al comando, gruppo in forte rimonta

    Km 70:
    sugli uomini al comando rientrano in due: Vigilante (Viris) e Lopez (Colombia). Nove uomini al comando

    Km 71:
    Tornano in sette al comando in quanto perdono contatto Gozio e Menchetti. Questi sono i battistrada: Bagioli (Delio Gallina), Di Remigio (MGKVis), Tonelli (Zalf) Gaviria (Colombia) Bassi (Mendrisio), Vigilante (Viris) e Lopez (Colombia).

    Km 74:
    Continuo rimescolamento in corsa, il gruppo e' vicinissimo ai battistrada

    Km 80:
    Gruppo che torna compatto

    Km 90:
    Cambia ancora la situazione, al comando ci sono: Tonelli e Moscon (Zalf), Vaccher (Marchiol), Ciccone (Colpack), Locatelli (Viris), Bagioli (Gallina), Lopez, Rozo e Gaviria (Colombia), Giampaolo (Vega). Leggermente attardato Colombo (Named).

    Km 95:
    Dalla testa della corsa si stacca definitivamente Colombo (Named), mentre rientrano Brasi (Pala Fenice) e Di Remigio (MgKVis), dodici uomini al comando con un vantaggio di 45" sul gruppo

    Km 96:
    All'inseguimento dei dodici al comando si portano Anacona e Celano (Montegranaro)

    Km 100:
    A 15" dai battistrada troviamo adesso Sannino (Pala Fenice), Gallio e Gabburo (Delio Gallina) Halilaj (Named) e Galeyer (Kazakistan). Il gruppo guidato dalla nazionale Australiana e' a 40"

    Km 105:
    I cinque inseguitori rientrano sulla testa della corsa, sono 17 gli uomini al comando: Brasi e Sannino (Pala Fenice), Di Remigio (MgKVis) Tonelli e Moscon (Zalf), Vaccher (Marchiol), Ciccone (Colpack), Locatelli (Viris), Bagioli (Gallina), Lopez, Rozo e Gaviria (Colombia), Giampaolo (Vega) Gallio e Gabburo (Delio Gallina) Halilaj (Named) e Galeyer (Kazakistan)

    Km 106:
    Il gruppo adesso e' segnalato a 58"

    Km 110:
    Perde leggermente contatto il gruppo, adesso e' a 1'06"

    Km 112:
    Perde ancora contatto il plotone, adesso viaggia a 1'22"

    Km 119:
    Situazione invariata con il gruppo che adesso viaggia a 1'30"

    Km 127:
    Aumenta l'andatura in testa al gruppo, adesso il ritardo e' sceso 1'24"

    Km 130:
    Dal gruppo esce un drappello di controattaccanti che adesso viaggia con un ritardo di 1'10". Tra gli uomini al comando ha perso contatto Lopez (Colombia)

    Km 132:
    Questa la situazione. Al comando abbiamo Brasi e Sannino (Pala Fenice), Di Remigio (MgKVis) Tonelli e Moscon (Zalf), Vaccher (Marchiol), Ciccone (Colpack), Locatelli (Viris), Bagioli (Gallina), Rozo e Gaviria (Colombia), Giampaolo (Vega) Gallio e Gabburo (Delio Gallina) Halilaj (Named) e Galeyer (Kazakistan). A 1'13" viaggiano sei immediati inseguitori mentre il gruppo e' a 1'25"

    Km 135:
    I sei immediati inseguitori dei sedici al comando sono Berlato (Zalf), Gazzara, De Marchi (Gazzera), Orrico (Colpack) Schnyder (Mendrisio), Ruscetta (Montegrano)

    Km 140:
    Scende a 50" il ritardo dei sei immediati inseguitori, mentre il gruppo perde terreno e viaggia a 1'29"

    Km 141:
    Torna ad aumentare il vantaggio dei battistrada. Sedici uomini al comando con 1'10" sui sei immediati inseguitori. Gruppo a 1'40"

    Km 144:
    Dai controattaccanti perde leggermente contatto Schnyder (Mendrisio), mentre il gruppo ammiraglie e' segnalato in rimonta

    Km 146:
    Due giri al termine, il vantaggio dei battistrada cala sensibilmente

    Km 149:
    Rimangono in 14 al comando, si tratta di Brasi e Sannino (Pala Fenice), Di Remigio (MgKVis) Tonelli e Moscon (Zalf), Vaccher (Marchiol), Ciccone (Colpack), Locatelli (Viris), Bagioli (Gallina), Giampaolo (Vega) Gallio e Gabburo (Delio Gallina) Halilaj (Named) e Galeyer (Kazakistan). Al loro inseguimento sono segnalati altri atleti mentre il gruppo e' a meno di 1'

    Km 155:
    Situazione in continua evoluzione, ancora 14 uomini al comando, a 30" insegue un primo gruppo di atleti mentre il grosso del protone e' segnalato ad 1'20"

    Km 163:
    Dalla testa della corsa si stacca Bagioli che viene riassorbito da un primo gruppo in inseguitore forte di una ventina di unita'

    Km 165:
    Inizia il MURO!!!! Gli inseguitori raggiungono i battistrada. Forza il ritmo l'australiano Power

    Km 166:
    Otto uomini al comando: Giampaolo, Ciccone, Moscon, Tonelli, Vaccher, Halilaj, Haig e Power

    Km 167:
    I piu' immediati inseguitori hanno un ritardo dagli otto al comando di 16"

    Km 168:
    Scende a 11" il distacco dei sette piu' immediati inseguitori

    Km 170:
    Scende ad appena 8" il ritardo degli inseguitori

    Km 174:
    Sta per iniziare la salita, Haig sta facendo il ritmo in favore di Power

    Km 175:
    Il gruppo degli inseguitori perde terreno

    Km 176:
    Inizia la salita verso il traguardo, meno di 5km all'arrivo

    Km 177:
    Tonelli fa l'andatura in testa

    Km 178:
    Allunga Haig

    Km 179:
    15 uomini al comando

    Km 180:
    gara_diretta_web_43_gran_premio_capodarco_15241_15241_6273_original.jpgRobert Power


    Stefano Masi - Andrea Passeri - Video in collaborazione con Atlantide VideoService