Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Download flash player

    PianetaGiovani.TV - Web TV - Ciclismo Giovanile
     
    2015-09-19 - EMILIA ROMAGNA - Casalecchio di Reno (BO)
    MEMORIAL MARCO PANTANI GP SIDERMEC



EVENTI

Visualizzazioni: 268
    2015-09-19 - EMILIA ROMAGNA - Casalecchio di Reno (BO)
    MEMORIAL MARCO PANTANI GP SIDERMEC



    TRIPLETTA AZZURRA AL MEMORIAL MARCO PANTANI – GP SIDERMEC: VINCE DIEGO ULISSI DAVANTI A GIOVANNI VISCONTI E VINCENZO NIBALI

    Si è tinto d’azzurro il Memorial Marco Pantani – Gran Premio Sidermec che si è corso oggi con partenza da Riccione ed arrivo a Cesenatico; a scrivere per dodicesimo il proprio nome nell’albo d’oro della gara organizzata dal GS Emilia è stato Diego Ulissi, che sul traguardo di Viale Carducci, tra due ali di folla, ha preceduto Giovanni Visconti e Vincenzo Nibali con i quali era evaso dal gruppo ad una settantina di chilometri dal termine.
    Il terzetto della nazionale italiana (Ulissi e Nibali partiranno lunedì mattina alla volta di Richmond per partecipare al campionato del mondo) ha dato vita ad una sorta di cronosquadre in un finale molto spettacolare e tecnico contro la quale nulla ha potuto il gruppo degli inseguitori.
    Dopo la partenza, avvenuta alle 11,15 da Piazza Ceccarini di Riccione, davanti al Palazzo del Turismo, la prima fuga di giornata prende il largo quando sono una trentina i chilometri percorsi e vede protagonisti Johann Van Zyl (MTN Qhubeka), Gianfranco Zilioli (Androni Sidermec), Nico Brungger (Roth-Skoda) e Michele Gazzarra (MG KVis Vega). I quattro toccano un vantaggio massimo di 3’20” e vengono poi ripresi al chilometro 96, lungo la seconda delle tre ascese a Montevecchio. Ma è la terza scalata verso il gpm che vede nascere l’azione vincente: quando in testa c’è un gruppo di una ventina di atleti, Visconti, Nibali e Ulissi attaccano e nessun’altro riesce a resistere al loro ritmo. Accumulano un vantaggio che sfiora i 2’30”, poi scende ad 1’28” quando i tre entrano nel circuito finale di Cesenatico. Un margine più che sufficiente, a venti chilometri dal traguardo, per garantire ai tre di non essere più ripresi dal gruppo, regolato allo sprint da Kristian Sbaragli (MTN Qhubeka) sullo sloveno Grega Bole (CCC Sprandi Polkowice).